XXL
XL
LG
MD
SM
XS

Fondo Impresa Donna: agevolazioni per le imprese femminili

Fino a € 320.000 per le imprese femminili

Il Fondo è volto a sostenere le imprese femminili di qualsiasi dimensione su tutto il territorio nazionale, già costituite o di nuova costituzione, attraverso le seguenti linee di azione:

  • incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili;
  • incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili.

Soggetti beneficiari

  • società cooperative e società di persone in cui il numero di donne socie rappresenti almeno il 60%;
  • società di capitali le cui quote di partecipazione spettino in misura non inferiore ai due terzi a donne e i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i due terzi da donne;
  • imprese individuali la cui titolare è una donna;
  • lavoratrici autonome.

Possono presentare domanda per gli “incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili”:

  • le imprese femminili costituite da meno di 12 mesi alla data di presentazione della domanda;
  • le lavoratrici autonome in possesso di partita IVA aperta da meno di 12 mesi alla data di presentazione della domanda;
  • le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa femminile.

Possono presentare domanda per gli “incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili”:

  • le imprese femminili costituite da almeno 12 mesi alla data di presentazione della domanda;
  • le lavoratrici autonome in possesso della partita IVA aperta da almeno 12 mesi alla data di presentazione della domanda.

Imprese con < 12 mesi

Programmi di investimento ammissibili:

Costituzione e avvio di una nuova impresa femminile nei seguenti settori:

  1. produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli;
  2. fornitura di servizi, in qualsiasi settore;
  3. commercio e turismo.

Le iniziative devono:

  1. essere realizzate entro 24 mesi dalla data di trasmissione del provvedimento di concessione delle agevolazioni;
  2. prevedere spese ammissibili non superiori a € 250.000.

Spese ammissibili:

  1. impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica;
  2. immobilizzazioni immateriali;
  3. servizi in cloud funzionali ai processi portanti della gestione aziendale;
  4. personale dipendente, assunto a tempo indeterminato o determinato dopo la data di presentazione della domanda;
  5. esigenze di capitale circolante:
    1. materie prime, sussidiarie, materiali di consumo;
    2. servizi di carattere ordinario, strettamente necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa;
    3. godimento di beni di terzi, inclusi spese di noleggio, canoni di leasing;
    4. oneri per la fideiussione nel caso di richiesta di erogazione anticipata.

Non sono ammissibili le spese riferite a investimenti di mera sostituzione di impianti, macchinari e attrezzature e le spese relative a imposte e tasse.

Le spese devono essere sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda o, nel caso di persone fisiche, alla data di costituzione dell’impresa o dell’apertura di partita I.V.A.

Agevolazioni concedibili:

Contributo a fondo perduto per un importo massimo pari a:

  1. per i programmi che prevedono spese ammissibili non superiori a € 100.000, le agevolazioni sono concesse fino a copertura dell’80% delle spese ammissibili e comunque per un importo massimo del contributo pari a € 50.000;
  2. per i programmi che prevedono spese ammissibili superiori a € 100.000 e fino a € 250.000, le agevolazioni sono concesse fino a copertura del 50% delle spese ammissibili.

Imprese con ≥ 12 mesi

Programmi di investimento ammissibili::

Sviluppo e consolidamento di un’impresa femminile nei seguenti settori:

  1. produzione di beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli;
  2. fornitura di servizi, in qualsiasi settore;
  3. commercio e turismo.

Le iniziative devono:

  1. essere realizzate entro 24 mesi dalla data di trasmissione del provvedimento di concessione delle agevolazioni;
  2. prevedere spese ammissibili non superiori a € 400.000.

Spese ammissibili:

  1. impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica;
  2. immobilizzazioni immateriali;
  3. servizi in cloud funzionali ai processi portanti della gestione aziendale;
  4. personale dipendente, assunto a tempo indeterminato o determinato dopo la data di presentazione della domanda;
  5. esigenze di capitale circolante:
    1. materie prime, sussidiarie, materiali di consumo;
    2. servizi di carattere ordinario, strettamente necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa;
    3. godimento di beni di terzi, inclusi spese di noleggio, canoni di leasing;
    4. oneri per la fideiussione nel caso di richiesta di erogazione anticipata.

Non sono ammissibili le spese riferite a investimenti di mera sostituzione di impianti, macchinari e attrezzature e le spese relative a imposte e tasse.

Le spese devono essere sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda.

Agevolazioni concedibili:

Le agevolazioni sono concesse secondo la seguente articolazione:

  1. per le imprese femminili costituite da almeno 12 mesi e da non più di 36 mesi, le agevolazioni sono concesse per il 50% dell’ammontare complessivo in forma di contributo a fondo perduto e, per il restante 50%, in forma di finanziamento a tasso zero, fino a copertura del 80% delle spese ammissibili;
  2. per le imprese femminili costituite da oltre 36 mesi, ferma restando la copertura del 80% delle spese ammissibili, l’articolazione di contributo a fondo perduto e finanziamento agevolato prevista dal punto 1. si applica alle sole spese di investimento, mentre le esigenze di capitale circolante sono agevolate nella forma del contributo a fondo perduto.

I finanziamenti agevolati:

  1. hanno una durata massima di 8 anni;
  2. sono a «tasso zero»;
  3. sono rimborsati, dopo 12 mesi a decorrere dall’erogazione dell’ultima quota dell’agevolazione, secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti posticipate, scadenti il 31 maggio e il 30 novembre di ogni anno;
  4. non sono assistiti da forme di garanzia.

F.A.Q.

Quali sono le modalità e le tempistiche di presentazione delle domande?

Le agevolazioni sono concesse sulla base di una procedura valutativa con procedimento a sportello.

L’apertura dei termini e le modalità per la presentazione delle domande di agevolazione sono definite dal Ministero con successivo provvedimento.

Tuttavia, per non perdere l’occasione di partecipare, è necessario muoversi per tempo!

Riferimenti normativi

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 30 settembre 2021 “Modalità d’intervento del Fondo a sostegno dell’impresa femminile e ripartizione delle relative risorse finanziarie” (GU n.296 del 14-12-2021).

APPROFONDISCI IN…

Pagina ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico

Approfitta dell’agevolazione

Lasciaci i tuoi dati e sarai ricontattato da uno dei nostri consulenti.

    Oppure chiamaci allo